MGM Bagoss - Lombardia - BS

MGM Bagoss - Lombardia - BS

Formaggio Bagos

Cooperativa Valle Di Bagolino sc

Via Parrocchia, 34 / a 25072 cap - Bagolino (BS) - ITALY
Tel. +39 030 6864816   info@cheesebagoss.com  www.cheesebagoss.com

Formaggio Bagos ... il tesoro della malghe della Valle del Caffaro
Bagolino è una bellissima località del nord Italia, posto all'estremità settentrionale della "Valle Sabbia", confina con la provincia di Trento a levante, con la Valtrompia e la Vallecamonica a ponente. Menzionando "Bagolino" si intende quello straordinario insieme rappresentato dalla storia, dal patrimonio artistico e architettonico, menzionando "Bagòss" si intende il Re dei formaggi alpini: il più prezioso, l'asso della manica di grandi ristoranti e semplici trattorie, calato come carta sempre vincente in ricette sofisticate o taglieri nudi e crudi. Dopo tanti anni la qualità e le caratteristiche e organolettiche del "Bagòss" sono rimaste le stesse, la sua fama ha varcato i confini nazionali, ottenendo importanti riconoscimenti e divenendo un efficace mezzo di promozione per tutta la Valle del Caffaro. La storia del "Bagòss" è parte integrante del paese e dei suoi abitanti. Essa è legata a tutti gli allevatori che, di generazione in generazione, hanno custodito e tramandato l'arte della produzione di questo formaggio. La vita degli allevatori e della gente alpina, un'attività svolta con sacrificio e costantemente esposta al pericolo degli eventi naturali, è scandita ogni anno dalla tradizionale pratica del  "Malghese".Principalmente dai pascoli d'alpeggio l'eccellente qualità del buon latte prodotto da vacche di razza bruna alpina utilizzato nella produzione del "Bagòss" e suoi derivati.

il formaggio Bagòss   ...una produzione tradizionale e artigianale. La lavorazione del latte per l'ottenimento del Bagòss inizia con la scrematura: una parte (il 2%), la panna affiorata, viene destinata alla produzione del profumato a fragrante burro, mentre il restante è destinato alla produzione del formaggio. Versato in una caldaia, rigorosamente di rame, il latte viene scaldato a fuoco lento, fino a raggiungere una temperatura di 38 - 40 gradi. Poi si aggiungono il caglio ed un pizzico di zafferano, che darà alla pasta la tipica colorazione dorata, proprio come la volevano gli antichi Dogi di Venezia. Ottenuta la cagliata, questa viene sminuzzata, polverizzata alla dimensione di chicchi di riso, e poi cotta per circa 20 - 25 minuti ad una temperatura compresa tra i 45 e i 50 gradi centigradi. La massa compatta e cotta viene estratta dalla caldaia con l'aiuto di una tela o della mastella, quindi posta in fasciera sul banchetto. Da qui pigiata, prima con le mani e poi sotto il peso di un asse gravato da un sasso di circa Kg. 15 - 20 ; è questo il momento in cui viene apposto il marchio a freddo che contraddistingue il vero Bagòss dalle imitazioni. Pronta per la salatura, che avviene sempre a secco ogni due settimene per 40 giorni, ogni forma viene posta in cantina per la stagionatura. Ma il lavoro non è terminato, ogni forma viene costantemente pulita dallo spurgo, unta con olio di lino, rigirata pi